NEWS

Germania: assistenti vocali, Amazon invia 1700 conversazioni di Alexa all’utente sbagliato

Amazon ha inviato per errore 1700 conversazioni registrate dallo smart speaker Alexa alla persona sbagliata. È successo in Germania, dove un utente ha richiesto alla società proprietaria dell’assistente vocale di poter disporre, come suo diritto garantito dalla normativa europea sulla privacy (GDPR), di tutte le sue conversazioni con il sistema, ma i file consegnati da Amazon corrispondevano a quelli di un altro cliente. Un episodio che pone ancora una volta sotto i riflettori la questione del trattamento dei dati sensibili e la loro gestione da parte delle aziende che ne entrano in possesso.

Al giorno d’oggi, gli smart speaker Alexa sono diffusi in moltissime case e ciò conferisce ad Amazon la responsabilità di conservare e proteggere le conversazioni private - e quindi i dati sensibili - dei suoi utenti immagazzinate dai diversi dispositivi. In seguito all’introduzione della normativa europea sulla privacy, nota con l’acronimo GDPR, ogni persona può richiedere l’invio di tutte le informazioni personali raccolte da una società tramite servizi internet o dispositivi smart, come gli assistenti vocali.

Ed è proprio in virtù di questo diritto che lo scorso agosto in Germania un cliente ha contattato Amazon per poter disporre di tutti i suoi dati, ma ciò che si è visto recapitare sono stati ben 1700 file riguardanti un altro utente, anch’egli in attesa delle sue registrazioni. Nelle conversazioni inviate per errore erano contenuti i comandi per controllare Spotify, per gestire i termostati e per attivare gli allarmi di casa, oltre a informazioni private come nomi, indirizzi e altri contatti.

Un portavoce di Amazon ha riferito che si è trattato di “uno sfortunato errore umano e di un caso isolato. Abbiamo risolto il problema con i due clienti e abbiamo adottato nuove misure per migliorare ulteriormente i nostri processi. Inoltre - ha concluso - in via precauzionale siamo entrati in contatto con le autorità competenti in materia”.

Non è il primo episodio del genere che ha visto come protagonista la compagnia leader dell’e-commerce. In passato, un dispositivo Echo aveva registrato una conversazione tra una coppia di coniugi di Portland, per poi inviarla accidentalmente a una terza persona.

Fonte: Sky Tg24

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev UK: Facebook, multa di 600mila euro dal Garante Privacy inglese per Cambridge Analytica
Next Germania, hackerati i dati di centinaia di politici

Pubblicità su misura in televisione con la "Addressable TV", occhio alla privacy

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali