NEWS

Oltre il 70% dei dipendenti utilizza WhatsApp per condividere dati sensibili e informazioni critiche dell'azienda

Il 75% dei dipendenti utilizza WhatsApp o altre app di messaggistica istantanea e software di videoconferenza online come Teams e Zoom per condividere dati sensibili, e il 71% di essi ammette di usare queste applicazioni per inviare informazioni critiche riguardanti l’azienda per cui lavora. Per questo, quasi un terzo (30%) degli impiegati è stato già ammonito dai propri responsabili dopo aver inviato tali dati confidenziali tramite canali non consentiti dalle procedure interne.

Molti dipendenti inviano comunicazioni di lavoro tramite WhatsApp


Tra le informazioni scambiate tramite queste applicazioni vi sono password aziendali, dettagli delle carte di credito, dati dei clienti e piani strategici, informazioni bancarie e salariali, e persino risultati dei test Covid-19 dei dipendenti con relativi dettagli medici.

Questo è il preoccupante quadro che emerge da uno studio condotto da Veritas Technologies, leader nella produzione di soluzioni tecnologiche per la protezione dei dati a livello globale, che ha intervistato 12.500 colletti bianchi che lavorano in varie nazioni d’Europa, in Medio Oriente, nell’Asia Pacifico e negli Stati Uniti.

Anche se i rischi di frodi informatiche sono sempre dietro l’angolo, come precisa Veritas Technologies nel proprio rapporto “Hidden Threat of Business Collaboration Report”, il problema non è necessariamente che queste piattaforme non siano abbastanza sicure, perché occorre riconoscere che molte di esse ora supportano la crittografia end-to-end, tuttavia se il management non ne approva l’utilizzo le organizzazioni potrebbero incorrere in problemi di non conformità riguardanti le normative sulla privacy, Gdpr incluso.

Purtroppo i risultati della ricerca non sembrano neanche il frutto di singoli episodi, perché il 79% degli intervistati ha affermato che in futuro si troverà di nuovo ad usare app di messaggistica istantanea e videoconferenza online per condividere informazioni aziendali e dati sensibili.

Sempre più diffuso l'uso di WhatsApp per motivi di lavoro

Commentando i risultati evidenziati da Veritas Technologies, il presidente di Federprivacy, Nicola Bernardi, ha espresso la propria preoccupazione:

“Dall’inizio della pandemia abbiamo riscontrato un notevole aumento dell’uso di WhatsApp e delle varie piattaforme online per motivi di lavoro, e se da una parte le aziende investono risorse e denaro per mantenere un adeguato livello di conformità generale al Gdpr, la realtà è che in molti casi esse hanno perso il controllo dei propri dati personali proprio a causa del fatto che molti dipendenti si sono abituati a ricorrere spesso alla scorciatoia dell’app per trasmettere informazioni confidenziali preferendo la comodità al rispetto delle policy aziendali. Ci troviamo di fronte a un fenomeno molto preoccupante che, se trascurato, tenderà ad aggravarsi ulteriormente, e non è un caso che stiamo già osservando le prime sanzioni proprio per violazioni collegate ad usi non conformi di tali applicazioni.”

Negli ultimi tempi, sono state infatti registrate varie sanzioni per infrazioni del Gdpr riguardanti l’utilizzo di WhatsApp, come ad esempio quella che aveva colpito la Raiffeisen Bank perché due dipendenti della banca avevano usato WhatsApp per trasmettere simulazioni di esiti di richieste di finanziamento, e anche quella inflitta alla Banca Transilvania, i cui dipendenti che avevano ricevuto una mail sarcastica da un cliente l’avevano condivisa sempre tramite WhatsApp per poi farla rimbalzare da un social network all’altro fino a farla diventare virale su Internet.

Consapevole della necessità di un cambiamento di approccio, anche Federprivacy per analizzare più a fondo la portata del fenomeno nelle imprese del nostro paese ha attivato un sondaggio sul proprio sito web rivolto a tutti coloro che per motivi di lavoro hanno l’esigenza di comunicare dati personali con colleghi ed altri soggetti esterni alla propria organizzazione. Alla fine del sondaggio, gli utenti possono visualizzare i risultati complessivi in tempo reale.

Sondaggio su uso WhatsApp ed altre app di messaggistica istantanea in ambito lavorativo

Gentile utente,

ti chiediamo di dedicarci appena un paio di minuti del tuo tempo per rispondere in modo anonimo ad alcune domande per aiutarci a valutare meglio la diffusione dell'uso di WhatsApp ed altre app di messaggistica istantanea in ambito lavorativo, e comprenderne così anche i relativi impatti riguardanti la conformità alla normativa in materia di protezione dei dati personali. Al termine delle domande, potrai vedere i risultati del sondaggio in tempo reale.

Il tuo contributo contributo è molto apprezzato!

Il Team di Federprivacy

 


Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Telepass, sanzione da 2 milioni di euro per non aver fornito informazioni adeguate sul trattamento dei dati degli utenti
Next Gli hacker accedono ai dati di 4.000 clienti, ma Booking.com tarda 22 giorni prima di notificare il data breach e viene sanzionato dall’autorità

Il presidente di Federprivacy a Report Rai 3

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy