NEWS

Giappone: hacker infiltrati per 9 mesi nei sistemi informativi dell’Agenzia nazionale per la cybersecurity

Per ben 9 mesi gli hacker si sono infiltrati nei sistemi informativi dell’Agenzia nazionale per la cybersecurity giapponese (NISC). A renderlo noto è stato il Financial Times, citando tre fonti governative e private che hanno informazioni sul tema.

Per ben 9 mesi gli hacker si sono infiltrati nei sistemi informativi dell’Agenzia nazionale per la cybersecurity giapponese

Lo scorso 4 agosto il NISC aveva annunciato di essere rimasto vittima di un data breach che aveva reso pubbliche alcune conversazioni internet via email rivelando anche informazioni personali di partner nazionali e internazionali dell’agenzia, ma alla luce delle ultime scoperte la situazione sembra più grave di quello che sembrava.

Dietro l’attacco, cominciato nell’autunno del 2022 e individuato solo a giugno 2023, sembra esserci un gruppo di hacker finanziato dal governo cinese.

Il governo cinese ha però respinto le accuse sottolineando che le comunicazioni dell’agenzia non avevano mai menzionato la Cina, e ha invece avvertito Tokyo di fare attenzione agli Stati Uniti.

Il ministro degli esteri cinese ha infatti affermato: “Wikileaks ha rivelato che in passato gli Usa hanno condotto operazioni di cyberspionaggio contro il Giappone, e anche contro i membri del consiglio dei ministri. Non è che il NISC sta guardando nella direzione sbagliata?”

Come riporta il Financial Times, il comparto di cybersecurity giapponese sta soffrendo molto per la carenza di personale con esperienza, e a fine marzo il gruppo di sicurezza aveva infatti solo 900 membri, un numero troppo basso, soprattutto se paragonato ai 30.000 membri della controparte cinese.

Note Autore

FederPrivacy FederPrivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: [email protected] 

Prev Austria: il Garante respinge un reclamo di un interessato giudicato 'disonesto' e 'abusivo'
Next Usa: pratiche ingannevoli nel tracciamento della posizione degli utenti, Google paga 93 milioni di dollari allo Stato della California

Privacy Day Forum 2023: Smartphone usati & Privacy

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy