NEWS

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

Qualifica del soggetto erogatore di buoni pasto elettronici 1 Mese 5 giorni fa #1449

L'emissione di buoni pasto è sottoposta alla disciplina del decreto ministeriale 122 del 7 giugno 2017 avente ad oggetto “Regolamento recante disposizioni in materia di servizi sostitutivi di mensa, in attuazione dell'articolo 144, comma 5, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50”.
Nella gestione dei buoni pasto, proprio in base al citato decreto, intervengono i soggetti inquadrati dall'art. 2: il cliente (datore di lavoro che acquista dalla società di emissione i buoni pasto al fine di erogare il servizio sostitutivo di mensa ai propri dipendenti e collaboratori), il titolare (dipendente o anche collaboratore del datore), l'esercizio convenzionato (con la società di emissione, che provvede ad erogare il servizio sostitutivo di mensa) e, soprattutto per quanto qui rilevante, la società emittente (“l'impresa che svolge l'attività di emissione di buoni pasto, legittimata all'esercizio, previa segnalazione certificata di inizio attività attestante il possesso dei requisiti richiesti di cui al comma 3 dell'articolo 144 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, trasmessa, ai sensi dell'articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, al Ministero dello sviluppo economico”).
Dalla disamina del decreto si evince come l'emissione di buoni pasto sia una attività riservata a soggetti imprenditoriali (peraltro non così numerosi nel mercato) che debbono soddisfare specifici requisiti; per cui, a partire da tale circostanza, pare di trovarsi in una fattispecie non troppo diversa, anzi analoga a quella che l'autorità di controllo italiana ha a suo tempo esaminato quando ha definito il “ruolo soggettivo dell’impresa assicurativa nell’ambito dei bandi di gara per l’affidamento dei servizi assicurativi”, doc. web. n. 9169688 (da tenere come punto di riferimento perché fornisce un criterio per dirimere le questioni come quella posta con il Suo quesito).
Sembra dunque profilarsi (il verbo 'sembra' è legato ad una residua e pur doverosa cautela) un rapporto titolare-titolare tra datore/cliente e società emittente, nel quale la fornitura dei dati da parte dei prestatori di lavoro e/o collaboratori direttamente alla seconda trova la sua ragione nella configurazione delle effettive modalità di predisposizione e di erogazione del servizio.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Ultima Modifica: da Paolo Marini.

Qualifica del soggetto erogatore di buoni pasto elettronici 1 Mese 1 Settimana fa #1443

  • Riccardo Di Gioia
  • Avatar di Riccardo Di Gioia Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 3
Il fornitore del servizio di buoni pasto elettronici con relativa piattaforma cloud (con iscrizione diretta del lavoratore) può/deve essere inquadro come titolare autonomo nei confronti del datore di lavoro e non solo nei confronti del singolo lavoratore che si iscriva alla piattaforma per gestire i suoi buoni pasto?
Ovvero: il fatto che il fornitore garantisca un servizio che il datore di lavoro non può erogare è sufficiente a giustificare il "passaggio" dei dati dei lavoratori direttamente al fornitore, così che questi fornisca le credenziali d'accesso e le istruzioni, dando solo un'informativa ai lavoratori o tra datore di lavoro e fornitore va comunque stipulato un accordo ex art. 28 per il trattamento dei nominativi dei lavoratori e poi la titolarità autonoma rimane solo per la gestione delle registrazioni alla piattaforma?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Ultima Modifica: da Riccardo Di Gioia.
  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.190 secondi

Adnkronos, più tutele per i dati con il Gdpr

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy