NEWS

Germania, multa da 14,5 milioni di euro per violazione del Gdpr alla società Deutsche Wohnen

L'Autorità di controllo della protezione dei dati per lo stato di Berlino ( Die Berliner Beauftragte für Datenschutz und Informationsfreiheit ) ha sanzionato la seconda più grande società immobiliare tedesca Deutsche Wohnen per le violazioni del GDPR per la conservazione di dati personali senza giustificazione legale.  L'importo della multa, pari a 14,5 milioni di euro, è il più elevato finora emesso da un'autorità di controllo tedesca per le violazioni della protezione dei dati.La Germania sta quindi seguendo la tendenza all'aumento delle ammende stabilite dalle autorità di altri Stati membri dell'UE, come Regno Unito, Francia e Austria.


La sanzione è stata emessa per violazioni verificatesi tra maggio 2018 e marzo 2019 del principio dell'art. 5 e di quello di "privacy by design" dell'art. 25. La Deutsche Wohnen ha utilizzato un sistema di archiviazione dei dati personali dei suoi inquilini che non prevedeva un'opzione per eliminare i dati non più necessari.  I dati sono stati quindi archiviati senza valutare se la loro conservazione è lecita o addirittura necessaria. In alcuni dei casi valutati, l'autorità di vigilanza ha rilevato dati personali di inquilini che non erano più pertinenti allo scopo per il quale erano stati originariamente raccolti.

Tra i dati rilevati dall'autorità di vigilanza c'erano dichiarazioni salariali, moduli di auto-divulgazione, dati fiscali, previdenziali e di assicurazione sanitaria e altri dati personali relativi alla situazione personale e finanziaria degli inquilini di DW. Tale sistema viola i principi di protezione dei dati relativi alla minimizzazione dei dati, alla limitazione della conservazione e alla liceità sanciti dall'art. 5 (1) (a), (c), (e) GDPR e la protezione dei dati secondo il principio di progettazione di cui all'art. 25 (1) GDPR. Oltre all'ammenda di 14,5 milioni di euro, l'autorità di controllo ha emesso ammende supplementari nei confronti di DW con importi compresi tra 6.000 e 17000 euro per l'archiviazione illegale dei dati personali degli inquilini in 15 casi individuali.

Deutsche Wohnen è stata esortata a porre rimedio a tali violazioni della protezione dei dati da parte dell'autorità di controllo già nel giugno 2017, quando l'autorità di controllo aveva scoperto le violazioni per la prima volta.
Ma dal momento che una seconda ispezione nel marzo 2019 non aveva mostrato miglioramenti sostanziali, l'Autorità di vigilanza ha deciso di imporre un'ammenda. Tuttavia, DW ha già annunciato la sua intenzione di proporre ricorso.

Note sull'autore

Nicola Bernardi Nicola Bernardi

Presidente di Federprivacy. Consulente del Lavoro. Consulente in materia di protezione dati personali e Privacy Officer certificato TÜV Italia, Of Counsel Ict Legal Consulting, Lead Auditor ISO/IEC 27001:2013 per i Sistemi di Gestione per la Sicurezza delle Informazioni. Twitter: @Nicola_Bernardi

Next Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge che proroga il collegio del Garante Privacy

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, intervistati a Kudos su Rai 4

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo