NEWS

Finalmente c’è l'accordo sull’Artificial Intelligence Act: ma aspettiamo a esultare

Il raggiungimento di un’intesa sul testo dell’Artificial Intelligence Act, dopo 36 estenuanti ore di negoziati, ha ricordato un po’ un veglione dell’ultimo dell’anno. Politici con il volto segnato dalla fatica, pronti a “stappare”, coi loro smartphone il tweet o la storia di Instagram per gridare al mondo di avercela fatta, che sì, come illustra un’infografica che sta spopolando sui social network, siamo l’unico continente con una regolazione dell’intelligenza artificiale.

È una buona notizia? Probabilmente sì, ma nessuno può dirlo con certezza.

Partiamo dalle note dolenti. Il testo definitivo non c’è, non sono pubblici gli emendamenti e le modifiche apportate al testo entrato in discussione, i negoziati sono stati condotti in gran segreto. Le uniche notizie trapelate sono state foto di politici che, un po’ sudaticci e col nodo della cravatta allentato o col tailleur spiegazzato, ci ricordavano di essere segregati da oltre un giorno e qualche meme sciocchino prodotto dagli assistenti di questi politici. Decisamente un modesto esercizio di trasparenza, per una legge che fa della trasparenza uno dei suoi architravi.

La seconda nota dolente è che l’andamento delle negoziazioni ci restituisce un’Europa spaccata. I due principali nodi da sciogliere sono stati il ricorso alla biometria, anche con finalità predittiva, per scopi di pubblica sicurezza e la disciplina dei foundation model, che sono alla base dell’intelligenza artificiale generativa (quella di ChatGpt, per intenderci).

Sul primo tema, l’opposizione proveniva da Ungheria, Italia e, soprattutto, Francia, preoccupate di prevenire minacce terroristiche. È bene ricordare che le politiche sulla sicurezza sono di competenza dei singoli stati membri e non sarebbe sorprendente, tra qualche mese, uno strappo dai paesi dissenzienti.

Nell’altro caso, invece, Germania, Francia e (in misura minore) Italia avevano tentato di tener fuori dal regolamento europeo i modelli fondativi, ossia i sistemi di addestramento degli strumenti di intelligenza artificiale, affidandosi all’autoregolamentazione da parte delle grandi società produttrici (tutte non europee). Il rischio, secondo i tre stati, è che una disciplina normativa stringente avrebbe potuto limitare l’innovazione tecnologica, costringendo l’Europa a un ruolo ancillare rispetto a Stati Uniti, Cina e ad altri paesi che stanno investendo molte risorse nello sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale.

(Nella foto: l'Avv. Giovanni Maria Riccio, founder & Senior Partner at e-Lex Law Firm)

C’è poi la questione tempo. La narrazione degli eurodeputati che hanno lavorato al testo dell’Ai Act ha enfatizzato che l’Unione europea è il primo ordinamento giuridico a dotarsi di un testo generale sull’intelligenza artificiale, omettendo di ricordare che le disposizioni normative diverranno pienamente efficaci a partire dal 2026.

L’Europa, che ha oramai perso una centralità economica, si erge a baluardo della difesa dei diritti fondamentali anche nei confronti dei paesi più avanzati (il famigerato “effetto Bruxelles”); però due anni, nel contesto digitale, sono un’era geologica, che rischia di rendere poco efficienti le regole, più che indirizzare il percorso dello sviluppo tecnologico.

Resta, in ogni caso, da analizzare il testo definitivo, una volta che sarà licenziato, per avere un quadro completo. Perché, come i giuristi sanno bene, le parole adoperate dai legislatori non sono mai neutre e, come insegna un vecchio adagio, il diavolo si nasconde nei dettagli.

In conclusione, bisogna essere ottimisti, perché un passo avanti comunque è stato compiuto. Attenzione, però, ai facili entusiasmi, perché la partita europea dell’intelligenza artificiale è ancora tutta da giocare.

di Giovanni Maria Riccio (fonte: Domani)

Note Autore

Giovanni Maria Riccio Giovanni Maria Riccio

Founder & Senior Partner at e-Lex Law Firm

Prev Le competenze richieste a DPO e CISO nell’era dell’Intelligenza Artificiale: il ruolo cruciale delle soft skill
Next In arrivo l'era dell'Artificial Intelligence Act: le preoccupazioni per le aziende su privacy e sicurezza informatica

10 Consigli per prenotare online le vacanze senza brutte sorprese

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy