NEWS

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

trattamento dati giudiziari associazioni private senza scopo di lucro 10 Mesi 1 Settimana fa #673

  • Corrado Dallabernardina
  • Avatar di Corrado Dallabernardina Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 2
Grazie davvero per la pronta risposta. Solo un ultima considerazione: le Cooperative in questione assumono il profilo di Responsabili al trattamento di dati giudiziari di persone seguite dai servizi delle stesse Cooperative e comunicati dall'autorità competente per la salvaguardia delle misure restrittive contenute nelle ordinanze trasmesse, oppure per accogliere persone chiamate a svolgere attività socialmente utili ai fini riparativi. Come da Lei indicato il trattamento si compie attuando misure volte a ridurre il rischio di comunicazione non pertinente e non proporzionale alla finalità (raccolta e conservazione del dato riservata al responsabile della struttura, comunicazione agli operatori dei dati strettamente necessari ad agire le eventuali misure individuate, ecc). Ciò che rimane questione aperta è la mancata autorizzazione/designazione dell'autorità pubblica titolare che senza "scomodare" l'art. 10 potrebbe essere riconosciuta dall'art. 28 anche accompagnata da una istruzione scritta che, mi pare, potrebbe trovare ispirazione dal recente D.L.gs n.51/2018 e nelle linee guida già pubblicate per altri ambiti (Circolare Min. prot. 34296 /2011 riproduzione dati personali contenuti in provvedimenti giudiziari per finalità di informazione giuridica). Infine un mio personale commento: i principi della tutela delle persone più fragili che sono fondamento dell'agire delle realtà degli enti, associazioni e cooperative sociali, sono certamente un ragionevole presupposto per un trattamento anche dei dati particolari e giudiziari compiuto a garanzia della dignità e delle libertà delle persone assistite. Tuttavia, a conferma e sostegno di una liceità di trattamento de facto riconosciuta, un parere del Garante nel merito o una indicazione della RPD del Ministero di Grazia e Giustizia fornirebbe elementi di chiarezza e di garanzia a tutto il sistema del privato sociale.
Grazie ancora e un saluto
CD

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

trattamento dati giudiziari associazioni private senza scopo di lucro 10 Mesi 1 Settimana fa #672

In questa fase grottesca di lacuna normativa si può, nell'attesa del famoso decreto, mantenere un aggancio del tutto volontaristico alle misure previste proprio nella non più vigente Autorizzazione 7/2016, in quanto applicabili nel nuovo contesto normativo. Queste misure sono riassumibili nel concetto di INDISPENSABILITA' del trattamento o dei trattamenti “per perseguire scopi determinati e legittimi individuati dall'atto costitutivo, dallo statuto o da un contratto collettivo” - cfr. Capo II della Autorizzazione citata, relativo ad organismi di tipo associativo e fondazioni. Nel Capo VII, concernente le prescrizioni comuni a tutti i trattamenti considerati dal provvedimento, sono ripetutamente utilizzati termini come “strettamente necessario” e “strettamente indispensabile”.
E' in ogni caso obbligo del Titolare applicare, ai sensi dell'art. 32 del Regolamento, tutte le misure ritenute adeguate a garantire la sicurezza dei dati e - a maggior ragione - di questi dati, atteso che, per esempio, la loro perdita o sottrazione accidentale potrebbero risultare particolarmente pregiudizievoli per gli interessati. Si può pensare, per esempio, a cautele come la loro segregazione rispetto agli altri, la loro cifratura, la limitazione degli addetti autorizzati a trattarli.
Ciò premesso, poter dimostrare che l'impossibilità di interrompere o addirittura cessare determinati trattamenti e il momentaneo vuoto normativo, non hanno impedito al Titolare di compiere ogni sforzo ragionevole per supplire allo stesso guardando alla sostanza del problema, dovrebbe fare e (secondo me) fa la differenza.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

trattamento dati giudiziari associazioni private senza scopo di lucro 10 Mesi 2 Settimane fa #671

  • Corrado Dallabernardina
  • Avatar di Corrado Dallabernardina Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 2
Buongiorno,
nell'attuale situazione normativa, cessato l'effetto dell'autorizzazione n. 7/2016 e non ancora emanato un regolamento/decreto da parte del Ministro della giustizia, da adottarsi, ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
in presenza di dati giudiziari comunicati in maniera sistematica dalla stessa autorità pubblica alle Cooperative Sociali che hanno in carico utenza con procedimenti penali o altre misure restrittive in corso;
in mancanza di una formale autorizzazione/designazione da parte di tali autorità titolari (Tribunale, Uffici di Esecuzione Penale Esterna, Tribunale per i minori, ....) che individui il perimetro e le modalità di trattamento, ivi compreso i criteri di comunicazione e conservazione di tali dati,
si chiede quali possano essere le misure da adottare per identificare le forme di maggiore tutela dell'interessato e degli enti del privato sociale chiamati de facto a compiere tali trattamenti dalla stessa autorità.
Grazie per la risposta

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.268 secondi

Giovanni Ziccardi al Corso di formazione manageriale per Data Protection Officer

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'informativa privacy