NEWS

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

nozione di marketing diretto 11 Mesi 3 Settimane fa #2181

Non il parere di chi scrive, bensì quanto si evince dal provvedimento del Garante sul consenso al trattamento dei dati personali per finalità di "marketing diretto" attraverso strumenti tradizionali e automatizzati di contatto, del 15 maggio 2013, conduce ad un inquadramento dei trattamenti di dati per la suddetta finalità. Essi sono quelli finalizzati all'invio di materiale pubblicitario, di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
In ogni caso, si è di fronte a contenuti non richiesti dagli interessati, né inseriti nel contesto di un contratto di servizio tra costoro e il titolare del trattamento.
I contenuti sono decisivi per stabilire se si sia di fronte ad attività di marketing ovvero di altro genere.
Con riferimento alla fattispecie indicata nel quesito, nella misura in cui il contenuto delle newsletter è impostato “su tematiche coerenti con i servizi rispetto ai quali tali utenti hanno manifestato interesse”, tutto ciò 'odora' di marketing e... anche di profilazione.
Per quanto riguarda la selezione della base giuridica nelle attività di marketing, il consenso è e resta la 'regina' di questa corte. E il legittimo interesse figura effettivamente come una 'ancella', da rendere protagonista in circostanze affatto particolari (di cui la legge procura un esempio con la disciplina dettata dall'art. 130, comma 4, del d. lgs. 196/2003). E per non lasciarsi ingannare da quell'ultimo famoso periodo del considerando 47 (a mente del quale “può essere considerato legittimo interesse trattare dati personali per finalità di marketing diretto”), è necessario e sufficiente leggere/soppesare il considerando per intero.
Il legittimo interesse, definito nella sua concretezza, può essere invocato esclusivamente sulla base della accertata (dal titolare, mediante il bilanciamento) sua prevalenza su diritti, libertà e interessi dei destinatari delle comunicazioni.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Ultima Modifica: da Paolo Marini.

nozione di marketing diretto 11 Mesi 3 Settimane fa #2175

  • Federica Brevetti
  • Avatar di Federica Brevetti Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 7
Buongiorno Avvocato Marini,
Le sarei grata per un parere in merito alla nozione di "marketing diretto" ai sensi dell'art. 130 del Codice Privacy (art. 130).
La fattispecie è questa.
Una piattaforma online pubblicizza servizi che vengono forniti da terze parti, a cui trasmette (=comunica) le richieste degli utenti che vogliono acquistare tali servizi, che vengono poi erogati direttamente da tali terze parti.
E' interesse della piattaforma poter restare in contatto con tali utenti inviando loro delle newsletter periodiche a contenuto informativo, su tematiche coerenti con i servizi rispetto ai quali tali utenti hanno manifestato interesse (eventualmente poi acquistandoli dalle terze parti visibili sulla piattaforma).
A Suo modo di vedere, l'invio di una newsletter a carattere informativo (che non contenga proposte commerciali o contenuti simili) da parte di tale piattaforma online cade nella nozione di "marketing diretto" ai fini dell'applicazione dell'art. 130 del Codice Privacy?
Nel caso in cui fossimo fuori dal concetto di marketing diretto, la piattaforma potrebbe valutare di utilizzare il legittimo interesse (e non il consenso dell'utente) come base giuridica per l'invio delle newsletter ai propri utenti?
Grazie mille per un Suo sempre illuminante riscontro.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.207 secondi

10 Consigli per prenotare online le vacanze senza brutte sorprese

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'Informativa Privacy