NEWS

Corte di Giustizia UE: anche le comunità religiose devono rispettare le norme privacy

 

Una comunità religiosa che effettua attività di predicazione porta a porta (tipo i testimoni di Geova) deve rispettare le norme del diritto dell'Ue sulla protezione dei dati personali. Questo anche se non effettuano il trattamento dei dati in modo automatizzato; basta che le informazioni siano riportate in un qualsiasi archivio. Il responsabile del trattamento dei dati sarà la comunità religiosa stessa. È quanto stabilito nella sentenza della Corte di giustizia europea relativa alla causa C-25/17.

 

La questione riguarda la commissione finlandese per la protezione dei dati che, nel settembre 2013, aveva vietato alla comunità religiosa dei testimoni di Geova in Finlandia di raccogliere o trattare dati personali nell'ambito della loro attività di predicazione porta a porta. I membri della congrega, infatti, nell'esercitare questa attività prendono appunti sulle visite effettuate a persone che la comunità non conosce. Questi dati vengono utilizzati, poi, per stilare delle mappe su cui basare una ripartizione in zone per coordinare l'attività porta a porta dei predicatori.

La Corte amministrativa suprema finlandese si è rivolta, quindi, alla Corte di giustizia Ue per accertare l'eventualità che la comunità sia soggetta o meno al rispetto delle norme del diritto europeo sulla protezione dei dati. La Corte, nella sentenza di ieri, ha innanzitutto chiarito che l'attività di predicazione porta a porta non rientra tra le eccezioni previste dal diritto dell'Unione in materia di protezione dei dati personali; in particolare «non costituisce un'attività esclusivamente personale o domestica alla quale il diritto dell'Unione non si applica».

Le norme sulla protezione dei dati, continua la Corte, si applicano solo se i dati sono contenuti o destinati a figurare in un archivio. Visto che, anche se non con procedure automatizzate, le informazioni vengono veicolate in un database gestito dalla comunità, i trattamenti dati provenienti dall'attività di predicazione porta a porta devono rispettare le norme Ue sulla protezione dei dati e sarà la comunità religiosa, congiuntamente ai suoi membri predicatori, a essere responsabile del trattamento degli stessi dati.

Fonte: Italia Oggi dell'11 luglio 2018

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Possibile tracciare i cellulari anche senza consenso se i dipendenti sono tutelati
Next Corte di giustizia UE, anonime le cause pregiudiziali

Corso di formazione manageriale per Data Protection Officer al CNR di Pisa

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali