NEWS

Offese online degli utenti non rimosse: così scatta la responsabilità

Se aprire un blog può sembrare un’operazione semplice, lo è anche incappare nelle responsabilità penali e civili che ne derivano. A finire nelle aule dei tribunali non sono soltanto i contenuti postati dai titolari del blog ma anche frasi offensive, critiche accese o illazioni ambigue condivise dagli altri utenti e non prontamente rimosse. A dettare le regole del “gioco” è la legge e – ancora una volta – la giurisprudenza copiosa sul punto. Per la Cassazione i blog rientrano nella categoria dei «mezzi di pubblicità», menzionati dall’articolo 595 terzo comma del Codice penale per la configurabilità della relativa aggravante

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Data breach, linee standard per la notifica delle violazioni di dati personali
Next Videosorveglianza più trasparente, cambia il cartello di avviso delle telecamere

Basta un consenso e Google Maps vi pedina ovunque andate

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo