NEWS

Usa: impiegato guarda siti porno da pc aziendale e infetta la rete del governo

Un'inchiesta del dipartimento dell'Interno americano ha scoperto che un dipendente federale del servizio geologico (Us Geological Survey), il cui nome è rimasto coperto dall'anonimato, ha utilizzato il computer governativo per navigare su 9mila pagine web di siti porno, infettando così la rete dell'amministrazione americana con malware - che rubano informazioni sensibili - provenienti dalla Russsia. I tecnici del dipartimento hanno subito ammonito l'agenzia: "Innalzate i protocolli di sicurezza, le nostre reti sono state colpite".

Nel report - pubblicato da www.nextgov.com - si legge che "i video venivano scaricati sul computer assegnato al dipendente e così i malware si sono infiltrati nella rete Internet dell'Usgs". Il materiale vietato è stato salvato dall'impiegato, ha scoperto l'indagine interna, su una chiavetta usb e il suo cellulare.

Entrambi i dispositivi, infatti, sono stati trovati infettati dai virus russi. Gli esperti hanno scoperto che il dipendente "aveva una lunga storia di visite di siti hot" ma l'ispezione dell'Office of Inspector General (Oig) è partita poco tempo fa a causa di un traffico dati sospetto. L'impiegato non lavora più nell'agenzia, ha confermato il direttore degli Affari esterni dell'Oig, Nancy DiPaolo.

Il regolamento del dipartimento vieta esplicitamente ai propri dipendenti di vedere siti pornografici con i computer aziendali e l'uomo ritenuto colpevole aveva accettato molti anni fa queste regole, prassi indispensabile per accedere alle attività governative. Ora l'agenzia valuta di prendere contromisure: impedirà in partenza ai dipendenti di accedere ai siti porno, così come non sarà più possibile installare propri device nei computer interni e verrà creata una black list di piattaforme che non hanno le caratteristiche ritenute sicure per la navigazione.

Questo non è il primo caso di dipendenti federali Usa 'beccati' a navigare su siti hard. Negli ultimi 15 anni, c'è stato un caso analogo all'Environmental Protection Agency, alla Securities and Exchange Commission e all'Internal Revenue Service. Il problema del siti porno è talmente diffuso che il repubblicano Mark Meadows, membro della camera dei rappresentanti per il North Carolina, ha introdotto una legge che vieta la pornografia sui computer federali.

Fonte: Quotidiano.net

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Francia, tribunale obbliga Twitter a cambiare "termini e condizioni" per violazione privacy utenti
Next World Economic Forum, cyber attack hacker primo rischio globale

7° Privacy Day Forum: intervista a Secondo Sabbioni, DPO del Parlamento UE

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali