NEWS

Nuovi guai per Facebook, il New York Times: “Dati degli utenti ceduti ai produttori di smartphone”

Facebook ancora sotto accusa sul fronte della violazione della privacy: secondo quando scrive il New York Times, nel tempo il colosso dei social network guidato da Mark Zuckerberk avrebbe stipulato accordi con almeno 60 produttori di smartphone, tablet e altri dispositivi mobili, permettendo loro di accedere ai dati personali di migliaia di utenti e dei loro 'amici' senza esplicito consenso.

Tra i gruppi con cui il colosso di Mark Zuckerberg negli ultimi dieci anni avrebbe siglato intese ci sarebbero Apple, Amazon, BlackBerry, Microsoft e Samsung. Di recente ha destato scalpore e preoccupazione la vicenda di Cambridge Analytica, una  una compagnia di consulenza politica con sede a Londra, che è stata capace di raccogliere milioni di dati personali dagli utenti del social network più utilizzato al mondo e di venderli ai propri clienti, con l’intento di aiutarlinelle loro campagne politiche.

In particolare Cambridge Analytica si è mossa per aiutare i propri clienti a identificare i comportamenti degli elettori, in modo che questi potessero influire sul comportamento di voto. In poche parole, attraverso questo meccanismo è stato possibile ricavare profili psicologici molto precisi degli iscritti a Facebook, e poi fornire a ciascuno di loro un contenuto costruito su misura. Una strategia che sarebbe stata usata per la campagna elettorale del presidente degli Usa Donald Trump, per il referendum sulla Brexit e in altre circostanze.

Subito dopo lo scandalo, che riguardava l'utilizzo di dati di circa 50 milioni di iscritti a facebook, ma probabilmente molti di più, Zuckerberg è stato costretto a riferire al parlamento Usa e all'Europarlamento, ed è stato convocato anche a Londra.

Nei suoi interventi, oltre a chiedere scusa per il gravissimo colpo inferto alla privacy degli utenti di Facebook, Zuckerberg ha annunciato una serie di misure di immediato impatto per ridurre la falle del sistema e ha anche sottolineato la necessità di altri interventi che richiederanno tempi più lunghi. Adesso, se la notizia degli accordi con i big della produzione di smartphone e tablet fosse confermata, per Zuckerberg sarebbero guai grossi.

Fonte: Italia Oggi del 4 giugno 2018

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Facebook, alla fine le nuove norme privacy tuteleranno solo gli utenti europei

Federprivacy, Gdpr per far decollare economia digitale

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali