NEWS

Quattro dipendenti su dieci scoprono la retribuzione dei colleghi a causa del "disordine digitale"

Spesso si sente parlare del valore economico dei dati personali, “data is money”. A volte il senso di questo modo di dire diventa davvero letterale: succede, ad esempio, quando al lavoro ci si imbatte in un file che riporta gli stipendi dei propri colleghi. Secondo una delle ultime ricerche di Kaspersky Lab dal titolo "Sorting out digital clutter in business” , quasi quattro dipendenti su dieci (37%) tra quelli che hanno partecipato allo studio dell’azienda sul tema hanno ammesso di aver avuto accesso, in modo accidentale, a informazioni riservate sui colleghi, come a indicazioni circa l’importo degli stipendi e dei bonus aziendali.

Le informazioni sulle retribuzioni dei dipendenti sono solo un esempio dei dati personali sensibili che oggi si possono trovare sui server delle aziende. Se questo tipo di informazioni trapelassero, magari a causa di una mancanza di sicurezza e di poca attenzione rispetto alle politiche di accesso ai dati, si potrebbe arrivare non solo a compromettere lo spirito di squadra, ma a conseguenze pericolose, come possibili attacchi informatici, sanzioni normative per non conformità alle regole sulla protezione dei dati e anche azioni legali da parte dei dipendenti interessati.

Uno dei fattori che può portare all'accesso agli archivi aziendali da parte di persone non autorizzate è legato alla questione dei diritti di accesso a documenti o ai servizi professionali in condivisione di cui ci si può avvalere: secondo una delle ultime ricerche di Kaspersky Lab, dedicata al “disordine digitale” e alle problematiche che può causare negli ambienti di lavoro, meno della metà (43%) dei dipendenti coinvolti dallo studio ha ammesso di controllare e modificare periodicamente i propri diritti di accesso. Ogni volta che qualcuno lascia l'azienda o passa ad un altro dipartimento, è fondamentale che i suoi diritti di accesso vengano immediatamente annullati. Se questo non avviene, possono determinarsi condizioni rischiose per l'organizzazione e per le persone che lavorano al suo interno.

Queste situazioni sono parte di una problematica ben più grande definita "disordine digitale": si tratta dell’aumento esponenziale di dati e della condivisione senza controllo di file aziendali e di documenti, conservati all’interno delle realtà professionali senza prendere le precauzioni necessarie. La mancanza di procedure e politiche per regolamentare l'ordine digitale può portare a confusione rispetto alle responsabilità interne e ad un clima di generale indifferenza da parte dei dipendenti rispetto alla gestione del flusso di documenti e file, all'interno e all'esterno dell'azienda.

Secondo quanto rilevato da Kaspersky Lab, solo un terzo dei dipendenti (29%) sa esattamente cosa c’è all’interno di uno specifico documento condiviso o di un servizio professionale usato in collaborazione al quale si accede normalmente.

Fonte: Adnkronos

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Studio Ue, cittadini italiani trai meno consapevoli sul Gdpr
Next Fatturato in calo? in azienda potreste avere delle gole profonde tra gli addetti alle pulizie

Privacy Day Forum 2019 in streaming

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo