NEWS

Phishing: l'allerta dell'Inps per nuovo picco di truffe via mail o tramite telefono

Un nuovo picco di truffe via mail o tramite telefono. È questa la situazione che ha spinto l’Inps a diramare un avviso per mettere in guardia i propri utenti dai pericoli del phishing. A scanso di equivoci, l’INPS non acquisisce mai dati sensibili via mail o telefono; ogni richiesta di questo tipo, quindi, è da classificarsi come tentativo di truffa.

Nel caso specifico, l’Inps ha segnalato che alcuni utenti hanno ricevuto un messaggio di posta elettronica contenente l’invito ad aggiornare i propri dati personali e le coordinate bancarie affinché l’Istituto potesse procedere all’accredito di un bonifico. Nella mail viene evidenziato un collegamento dove poter procedere all’inserimento dei dati. Ovviamente il bonifico è falso, quello che è vero è la sottrazione dei dati personali.

Un altro tentativo di truffa di cui l’Istituto è venuto a conoscenza è una telefonata da un falso operatore dell’Inps che richiede tutta una serie di dati sensibili nell’ambito di un fantomatico accertamento relativo alla propria posizione fiscale. Anche questo, come detto, è un tentativo di truffa e non bisogna mai fornire queste informazioni via telefono.

Difatti, come detto in precedenza, l’Inps non richiede mai questi dati sensibili su canali non sicuri come posta elettronica o telefono. Invita quindi gli utenti a non dar seguito a nessuna di queste richieste e denunciare l’accaduto. Allo stesso modo l'ente invita l’utenza a non fornire dati a qualunque soggetto si presenta alla porta millantando di essere un operatore dell’Inps.

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Videorveglianza, se non ci sono mutamenti all'azienda che subentra può bastare la notifica
Next Sabotaggi all'azienda per cui lavorava, condannato tecnico informatico

Privacy Officer: come si svolgono gli esami di Certificazione TÜV

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali