NEWS

Orologi Gps per bambini? un disastro per privacy e sicurezza

Molti smartwatch per bambini sono un colabrodo dal punto di vista della sicurezza e della privacy. Inefficienti, inaffidabili, privi di elementari protezioni, irrispettosi dei dati degli utenti e per di più pure a rischio di essere facilmente violati da un attaccante. È la demoralizzante fotografia scattata dal rapporto di una organizzazione no-profit norvegese per i diritti dei consumatori, il Norwegian Consumer Council, da tempo in prima fila nell’analizzare le falle informatiche e legali dei dispositivi connessi, come avevamo raccontato nel caso della bambola interattiva Cayla.

Gli ultimi a entrare nel mirino del gruppo sono stati dunque gli smartwatch per bambini, ovvero quegli orologi da polso che funzionano anche come un telefono semplificato - permettendo di ricevere o fare chiamate a numeri specifici – e da geolocalizzatore. Dotati di scheda SIM e Gps, permettono di fare (o ricevere) telefonate solo ai genitori, che a loro volta, attraverso una app combinata sul proprio smartphone, possono tracciare in tempo reale i movimenti dei bambini. In alcuni casi, possono anche attivare l’audio e ascoltare quanto accade intorno allo smartwatch.

O addirittura, in alcuni dispositivi con fotocamera, scattare fotografie. I modelli sono diversi, veicolati da un mercato ancora di nicchia, ma in crescita - secondo la società di ricerca Gartner nel 2021 questi apparecchi, nella versione per bambini, conquisteranno il 30 per cento del segmento smartwatch.

Soprattutto, è un settore caotico e privo di controlli. Dove molti dispositivi sono realizzati in Cina, importati in Europa da diverse aziende e venduti soprattutto su siti specializzati, con nomi diversi nei vari Paesi, anche se spesso il prodotto di base è lo stesso. Apparecchi che trasmettono le informazioni raccolte a server ed aziende che stanno fuori dall’Europa, senza rispettare le norme sulla privacy. Le informazioni sulla geolocalizzazione, specie se raccolte in modo continuo e abbinate ad altri identificativi, sono infatti considerati dati personali e come tali godono di particolare protezione in Europa.

Fonte: La Stampa

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Dopo furto di dati di 57 milioni di clienti, Uber tace e paga riscatto agli hacker
Next Dati del volto degli utenti a rischio privacy con l' iPhone X

Canale 50, Federprivacy al CNR con il Prof.Alessandro Acquisti

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Ho letto l'informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali