NEWS

Cosa deve fare una piattaforma online di giochi riguardo al consenso dei minori?

Nelle linee guida dei garanti europei (WP29) si danno queste indicazioni operative. Il titolare del trattamento potrebbe seguire questi passaggi. In primo luogo chiede all'utente di dichiarare se sono minori di 16 anni (o età inferiore a quella prevista dai singoli stati per il consenso digitale; se l'utente dichiara al sua minore età la piattaforma informa che è necessario il consenso del genitore.

Al minore si chiede di indicare l'indirizzo di posta elettronica del genitore e il servizio prende contatto con il genitore e ottiene il consenso via e-mail a procedere ad altri ragionevoli accertamenti sulla qualifica del soggetto contattato. In caso di successivi reclami, la piattaforma compie ulteriori verifiche sull'età dell'utente.

Si deve ricordare che è a carico del titolare del trattamento dimostrare di avere usato le precauzioni ragionevoli per appurare l'età dell'interessato. Peraltro, se la transazione on line è un contratto prevale la legge nazionale sulla (in)capacità dei minori di concludere contratti.

Fonte: Italia Oggi Sette del 30 aprile 2018 - Risposta a cura di Antonio Ciccia Messina

Note sull'autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.it 

Prev Il medico che assiste anziani in una Rsa a chi può legittimamente fornire informazioni sul loro stato di salute?
Next Il responsabile per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza può fare il DPO in un ente pubblico?

Qwant: occhio alla profilazione online, le cose da sapere

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo