NEWS

Il Sole 24 Ore: "Vacanze online, occhio al dynamic pricing"

Avete appena dato uno sguardo ai voli aerei per andare in vacanza, avete confrontato i prezzi di qualche hotel, magari avete perfino scritto sui social network che vi piacerebbe tanto essere su quella spiaggia, adesso. In pratica: avete lasciato online tracce dei vostri desideri. E i vostri desideri diventano più cari. Poco tempo dopo, tornando sul sito di pacchetti vacanze, scoprirete che il prezzo del volo per quella destinazione che sognate è aumentato. Idem per la camera dell'hotel. La colpa non è dell'alta stagione ma del dynamic pricing, una tecnica utilizzata da numerosi siti web per incrementare i propri guadagni.

In pratica, queste aziende si affidano ad algoritmi che tengono conto della domanda e dell'offerta, dei prezzi praticati dalla concorrenza, delle previsioni meteo, e delle informazioni che gli utenti lasciano sui social network. Così, durante il periodo estivo, si rischia di pagare cifre più alte del dovuto. L'allarme è stato lanciato da Federprivacy, secondo cui i prezzi applicati da alcuni siti possono essere aumentati anche del 30% attraverso il dynamic pricing con cui vengono profilati i comportamenti degli utenti utilizzando i cookies e altre tecnologie di web analytics che permettono di determinare prezzi “su misura” in base al grado di interesse dei potenziali clienti.

«Per difendersi dalle pratiche tariffarie dinamiche ingannevoli quando si deve prenotare una vacanza su internet, è fondamentale adottare alcune best practice – consiglia Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - non solo per proteggere la propria privacy, ma anche per non pagare più del dovuto. Perciò può essere utile per gli utenti cancellare spesso la cronologia di navigazione del browser, bloccare il consenso all'utilizzo dei cookies di terza parte, installare software di navigazione anonima, e controllare se nelle condizioni di vendita c'è una garanzia sul prezzo pagato».

I consigli di Federprivacy sono rivolti al 34% dei vacanzieri che, secondo l'Istat, si affida ai siti internet per prenotare voli aerei, pacchetti all inclusive e hotel.

Il fatturato annuo del mercato digitale del turismo vale 9,5 miliardi annui: secondo Federprivacy le aziende che ricorrono al dynamic pricing registrano nel breve periodo un aumento di profitti in media del 25%, a discapito della trasparenza e della correttezza verso gli utenti. Proprio per questo, di recente, la questione è stata oggetto di un'interrogazione parlamentare in sede Ue, in seguito alla quale la Commissione si è pronunciata il 30 giugno 2016 puntualizzando che il nuovo Regolamento Ue 2016/679 permette questo genere di profilazione degli utenti solo con il loro esplicito consenso, mentre in certi casi le pratiche tariffarie dinamiche su internet possono essere ritenute sleali ai sensi della direttiva 2005/29/CE dalle autorità nazionali competenti, e in Italia l'Antitrust può comminare multe fino a 5 milioni di euro, mentre con il nuovo Regolamento Europeo il Garante per la Privacy potrà fare multe addirittura fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato dei contravventori.

Fonte: Il Sole 24 Ore 

Note Autore

Federprivacy Federprivacy

Federprivacy è la principale associazione di riferimento in Italia dei professionisti della privacy e della protezione dei dati personali, iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della Legge 4/2013. Email: urp@federprivacy.org 

Prev Il Sole 24 Ore: GDPR, come scegliere il nuovo manager della privacy
Next Italia Oggi: le statistiche di Federprivacy sui professionisti della privacy

Pubblicità su misura in televisione con la "Addressable TV", occhio alla privacy

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

Rimani aggiornato gratuitamente con la nostra newsletter settimanale
Ho letto l'informativa privacy